Title: Applicazione dei Sistemi Informativi Geografici nel Campo delle Salvaguardie Nucleari
Authors: CONTINI SERGIOBELLEZZA FurioPOUCET ANDRE
Citation: Atti della 9a Conferenza Utenti ESRI
Publisher: ESRI Italia
Publication Year: 2006
JRC N°: JRC32752
URI: http://publications.jrc.ec.europa.eu/repository/handle/JRC32752
Type: Articles in periodicals and books
Abstract: Si intende per Sistema di Salvaguardie Nucleari un insieme complesso di attività e controlli internazionali volti ad assicurare che il materiale nucleare sensibile (U, Pu), utilizzato nel ciclo civile per la produzione di energia elettrica, o per attività di ricerca, non sia sottratto per la produzione di armi nucleari o esplosivi di altro tipo. Il sistema di Salvaguardie si basa sul Trattato di Non Proliferazione (TNP) delle armi nucleari, entrato in vigore nel 1970. Nel 1997 è entrato in vigore il Protocollo Aggiuntivo (PA) al trattato TNP con l'obiettivo di rafforzare l'efficacia e migliorare l'efficienza del sistema di salvaguardie. I Paesi firmatari del PA si impegnano a dicharare e a sottoporre a controllo tutte le attività che, pur non utilizzando materiale nucleare, come ad esempio le attività di ricerca e sviluppo, facciano uso di componentistica connessa al ciclo del combustibile. Sono inoltre richieste informazioni su materiali e impianti non considerati nel precedente trattato. Certamente l'aspetto più importante del nuovo protocollo riguarda la possibilità di ispezionare di qualsiasi edificio ubicato nel Paese nel quale gli ispettori AIEA abbiano qualche sospetto di attività non dichiarata. Si può facilmente immaginare come l'adesione al Protocollo Aggiuntivo comporti da parte dei Paesi firmatari la raccolta e la gestione di una notevole quantità di informazioni e da parte AIEA il compito di verificarne la completezza e la coerenza. L'istituto IPSC del Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea ha sviluppato, nell'ambito del supporto R&D per la AIEA, il progetto SIT (Site Investigation Tools). L'obiettivo iniziale di SIT era quello di dimostrare il vantaggio dell'uso di una piattaforma GIS per la verifica delle dichiarazioni per mezzo di informazioni di diversa natura e origine, come ad esempio immagini satellitari, documenti open source, rapporti di ispezione, ecc. In seguito il progetto è stato esteso allo sviluppo di sistemi di supporto per le attività di dichiarazione e ispezione, sempre basate su piattaforma GIS. Il progetto SIT, iniziato nella seconda metà del 1999, continua tuttora con lo sviluppo del sistema di supporto alle ispezioni, basato su sistemi di trasmissione sicura e Mobile GIS. L'articolo descrive i due applicativi finora sviluppati: SIT-D per la dichiarazione e SIT-V per la verifica, dopo una breve descrizione della tipologia di informazioni richieste dai dal Protocollo Aggiuntivo. Entrambi i tools sono stati sviluppati in ambiente ESRI-Arcview 3.3. Vale la pena sottolineare il fatto che all'inizio del progetto la tecnologia GIS era poco nota nel campo delle salvaguardie nucleari e comunque non era mai stata sviluppata alcuna applicazione. Pertanto uno dei meriti del progetto SIT è stato quello di aver diffuso la conoscenza dei sistemi informativi geografici dimostrandone le potenzialità attraverso lo sviluppo di applicativi di supporto alle attività di dichiarazione e verifica.
JRC Directorate:Space, Security and Migration

Files in This Item:
There are no files associated with this item.


Items in repository are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.