Title: Caratteristiche della Partecipazione Sociale in Europa: Il Caso dell'Europa Mediterranea
Authors: MASCHERINI MassimilianoDANIELE Vidoni
Citation: Rivista Italiana di Economia Demografia e Statistica vol. 62 no. 2-4 p. 401-408
Publisher: Società Italiana di Economia Demografia e Statistica
Publication Year: 2008
JRC N°: JRC52433
URI: http://www.sieds.it; http://www.sieds.it/rivista.html
http://publications.jrc.ec.europa.eu/repository/handle/JRC52433
Type: Articles in periodicals and books
Abstract: Nel corso della sua storia, l¿Unione Europea è sempre stata percepita come un'entità caratterizzata da un forte orientamento economico. Il Mercato Unico e l'introduzione dell'Euro, ad esempio, costituiscono aspetti chiave dell'azione europea, ma come già avvertito in passato da Jacques Delors esiste una sensazione di inadeguatezza avvertita da molti riguardo al predominio degli aspetti economici nelle politiche europee. Negli ultimi anni, la Commissione Europea ha provato ad integrare le politiche sociali nella propria sfera attraverso la revisione dell'Agenda di Lisbona nel 2005, in cui ha prevalso una nuova logica, basata sulla convinzione che le politiche sociali ed economiche debbano marciare integrate e di pari passo. Tale convinzione nasce, infatti, dalla trasformazione in atto nel mondo moderno in cui i cittadini si trovano ad affrontare nuove sfide in una società sempre più guidata dalla conoscenza e dalla tecnologia, la cui struttura demografica è radicalmente cambiata nel corso degli ultimi anni. Come conseguenza di queste nuove sfide, il benessere di domani non dipenderà solo da un¿ottima performance negli indicatori economici, ma l'Europa del futuro avrà bisogno del più alto livello di istruzione per tutti, della più alta partecipazione al mondo del lavoro, di immigrati ben integrati nei valori delle società europee e di cittadini pienamente partecipi ed attivi nelle società civili dei rispettivi Stati Membri. Questi requisiti appaiono oggi necessari non solo per ragioni sociali ma anche economiche. Infatti, una popolazione più istruita ed attiva creerà una più elevata ricchezza, mettendo la società civile al centro del processo di coordinamento e valorizzazione delle differenti forme di interazione tra Stato e Società. Spinti da queste motivazioni, lo scopo di questo articolo è di presentare un'analisi mirata ad esplorare le dinamiche della partecipazione individuale a forme associative in Europa, esaltando differenze e similitudini tra le varie forme di partecipazione. L'esistenza di diversi modelli sociali europei, con proprie strutture e dinamicità, (Sapir, 2005), ci spinge a focalizzare l'analisi in due macroaree, l'Europa del Nord e quella Mediterranea evidenziandone le differenze e presentando una fotografia eterogenea della realtà sociale europea.
JRC Directorate:Space, Security and Migration

Files in This Item:
There are no files associated with this item.


Items in repository are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.