Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorFOLLADOR Marcoen_GB
dc.contributor.authorRENNO Fernandaen_GB
dc.date.accessioned2010-02-25T14:39:02Z-
dc.date.available2009-09-10en_GB
dc.date.available2010-02-25T14:39:02Z-
dc.date.created2009-09-09en_GB
dc.date.issued2008en_GB
dc.date.submitted2009-07-14en_GB
dc.identifier.citationRivista Gemmologica Italiana vol. 3 no. 4 p. 251-258en_GB
dc.identifier.issn1970-2930en_GB
dc.identifier.urihttp://www.rivistagemmologicaitaliana.it/Rivistagem/rivista4.htmen_GB
dc.identifier.urihttp://publications.jrc.ec.europa.eu/repository/handle/JRC53202-
dc.description.abstractDurante gli ultimi decenni il Geoprocessamento ha rappresentato uno strumento utile, ed a volte indispensabile, per caratterizzare vegetazione, suolo ed altri materiali sulla superficie della Pianeta [Heming, 1996]. Le informazioni che arrivano dai satelliti sono facilmente analizzate e processate per evidenziare gli attributi topografici o geo-morfologici di un paesaggio [Bue et al. 2006], oppure per riconoscere faglie e fratture [Chuvieco, 2002; Zumpreskel et al., 2000; Sabins, 1987 and 1999;] dove si riscontra un¿alta probabilità di trovare depositi minerali intrusivi. In altri casi si ricorre ad operazioni di trattamento delle immagini per individuare affioramenti di rocce alterate idrotermicamente, riconducibili a depositi sotterranei. Negli ultimi anni le grandi compagnie di estrazione mineraria hanno ampliamente fatto ricorso ad un uso combinato di modelli numerici predittivi (basati sui pesi dell¿evidenza, reti neurali, etc.) e SIG per individuare aree con elevata potenzialità mineraria [Bernard et al., 2007; Zhou et al., 2007; Parson et al., 2006; Chung et al., 2002; Bonham-Carter, 1994]. Partendo dalle informazioni multispettrali raccolte dal sensore ETM di Landsat7 (P21 R80, 03/08/2002) cercheremo di differenziare le caratteristiche litologiche di una regione test in Minas Gerais, Brasile, usando semplici operazioni di processamento d¿immagine, calibrate con i dati raccolti in situ. La densa vegetazione di mata altlantica, le micro-pedologie locali, le costruzioni ed i cambiamenti di uso del suolo legati alle attività antropiche, rappresentano importanti fattori di confusione nell¿analisi spettrale dei minerali studiati, nel determinarne l¿ubicazione e le relative proporzioni. I risultati ottenuti sono stati validati attraverso un lavoro di campo, scegliendo alcuni siti rappresentativi all¿interno dell¿area in esame.en_GB
dc.description.sponsorshipJRC.H.2-Climate changeen_GB
dc.format.mediumPrinteden_GB
dc.languageITAen_GB
dc.publisherRivista Gemmologica Italianaen_GB
dc.relation.ispartofseriesJRC53202en_GB
dc.titleIl Processamento di Immagini Satellitari: Un Aiuto Indispensabile all'Esplorazione Mineraria in Aree Difficilmente Accessibilien_GB
dc.typeArticles in periodicals and booksen_GB
JRC Directorate:Sustainable Resources

Files in This Item:
There are no files associated with this item.


Items in repository are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.